Stage di Sciabola Casalecchio di reno Ottobre 2012

 

Ciao a tutti,

qualche sera fa mentre bevevo una birra sul mio divano, pensavo che ciò che di veramente prezioso ha la nostra Scuola, è il concetto di “DIREZIONE”, su cui sempre insiste il Maestro Hua. Chi di noi studia con lui da più anni vede chiaramente come ciò che ci faceva fare 10 anni fa, servisse da preparazione a ciò che facciamo adesso. Lui ha sempre usato la metafora del costruire una casa: allora prima ha fatto le fondamenta, sfondandoci di esercizi per le gambe, camminate e ma pu, poi è passato a, costruire i muri e il tetto, la struttura del corpo e la testa, e solo negli ultimi anni si sta interessando agli impianti elettrici, idraulici …., che sono quelli che danno energia alla casa e le permettono di farla funzionare.

La direzione del nostro studio mi è ora chiara: la forma, il tui shou, il combattimento sono la stessa cosa!

L’ultimo stage, una volta che mi ha messo davanti a guidare la forma, io mi sentivo particolarmente rilassato e comodo; lui mi guardava e io mi sentivo orgoglioso perché una volta tanto ero convinto di essere veramente rilassato….poi, appena finita la forma, si è avvicinato, mi ha appoggiato le mani sulle braccia e mi ha detto di muovermi. Io non ci sono riuscito e lui ha commentato “allora non è ancora vero rilassamento!”.

Ho capito che non può esserci vero rilassamento senza la giusta intenzione e non può esserci vera intenzione senza rilassamento.

Mi spiego: se riusciamo a fare gli esercizi in coppia come fosse la forma, cercando lo stesso tipo di rilassamento, e a fare la forma come fosse un esercizio in coppia, cercando la stessa intenzione, allora stiamo seguendo la giusta DIREZIONE, coltivando il vero rilassamento e la giusta intenzione.

Ok, adesso non mi resta che alzarmi dal divano e provare in concreto ciò che ho pensato…so già che sarà molto più difficile che a dirlo!

Alla prossima birra!

Alberto

 

Un amore all’improvviso

A questo stage non ho potuto partecipare come avrei voluto, ma il Maestro è

riuscito ugualmente, come per miracolo a farmi innamorare di nuovo di questa

arte meravigliosa.

Ho sempre “lottato” con la forma Yang, soprattutto per problemi legati alla

mia salute, e quando abbiamo iniziato a praticarla in questi ultimi 4 giorni di

stage, il Maestro ha saputo farmi assaporare una forza nuova, una sensazione

unica che ha potuto stupirmi di nuovo.

Ci ha mostrato come si può sentire profondamente il Tai Chi, come può farti

sentire davvero bene, come può salire l’emozione, e in un attimo possa

chiudersi la gola fino a sentire gli occhi velarsi appena.

A questo incontro per me è cambiato davvero qualcosa, quel qualcosa che non

so spiegare, ma che accade quando il Maestro ci è accanto e ci dona il suo Tai Chi.

Abbiamo appena terminato lo stage con il M° Shi Rong Hua ; questa volta il Maestro ha superato se stesso: tutto lo stage incentrato su “Peng ” molto difficile ma di sicuro molto profondo.

Secondo il maestro anche in Cina non è facile trovare insegnamenti di questo tipo !

Finalmente il vero Tai Ji dove la forma non conta così tanto , la differenza la fa l’interno.

Sentire il Maestro che appena ti ha toccato ,  dice:  ” adesso mia forza su tue spalle ” e tu senti la sua forza che esce proprio là,  oppure ” su piedi ” e  ti senti sradicato.

Questo  per chi studia questa arte marziale è fonte di continuo stimolo.

Anni e anni di studio ” solo ” per essere preparato a sentire una forza , una energia …. ma quale ricchezza !

 Prepariamoci ! Avremo molto da studiare questo anno !

Loris